News Menu

L’Aquila, lituano fermato per furti in appartamento a Coppito

August 23rd, 2011

Lunedì sera la Squadra Volanti ha arrestato a Coppito, presso un’abitazione privata, un lituano resosi responsabile di alcuni furti.

I proprietari avevano sorpreso e bloccato una persona che si era introdotta nell’appartamento, la Volante – informa una nota della Questura – è sopraggiunta in pochi minuti, grazie ad un accurato piano di suddivisione del territorio tra gli equipaggi presenti per ciascun turno, e sul posto gli operanti hanno accertato che uno straniero di nazionalità lituana si era introdotto in casa, tramite il tubo discendente della grondaia, che era stato abilmente scalato. Il giovane non ha opposto resistenza ed è stato accompagnato dagli agenti della Polizia di Stato in Questura per gli accertamenti di rito, per i quali è stato necessario reperite un interprete, dato che comunicava solo nella propria lingua. Il fermato è stato identificato per B.M., di nazionalità lituana.

Mentre era in corso l’intervento, la sala operativa del 113 ha ricevuto un’altra richiesta da parte degli inquilini di un’abitazione vicina, che avevano scoperto che alcuni elettrodomestici erano stati asportati dall’interno e lasciati sulla strada, evidentemente in attesa di essere prelevati con un automezzo, dato il loro ingombro. Le indagini del personale operante si stanno sviluppando sul collegamento tra i due tentativi di furto.

L’arrestato è stato posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e rimarrà presso la casa circondariale di Avezzano fino alla celebrazione del processo per direttissima.

Ritrovata lituana dispersa

August 16th, 2011

È stata ritrovata nella zona del porto canale di Pescara, in buone condizioni fisiche anche se in leggero stato confusionale, una lituana 31enne della quale il convivente aveva denunciato nella serata di ieri la scomparsa.

Carabinieri, con l’ausilio anche di uomini e mezzi di Guardia Costiera e Vigili del Fuoco, hanno portato avanti le ricerche per ore.

Era stato scandagliato tutto il corso del fiume Pescara, pensando ad un gesto estremo della donna che, come riferito dai carabinieri, avrebbe vagato tutta la notte per la città dopo una lite con il convivente. Le tracce olfattive dei cani molecolari avevano permesso di concentrare le ricerche della della donna proprio nella zona del porto dove ore dopo è avvenuto in effetti il ritrovamento.

Armi e refurtiva dentro l’auto di un lituano

August 12th, 2011

La bici sul tetto dell’auto, il bagagliaio pieno di valigie, l’aria rilassata e danarosa: il look da perfetto turista. Ma il giovanotto lituano che con la sua Alfa aveva ignorato un semaforo rosso in largo Cairoli ha insospettito ugualmente gli agenti del Nucleo Operativo della Polizia locale, che hanno deciso di perquisirlo come si deve. E i fatti hanno dato loro ragione. Sono saltati fuori non solo una Beretta 9×21 parabellum con due caricatori e la matricola abrasa, ma anche una katana (una spada giapponese), un bilancino, cinquanta orologi: e, nascosti tra costumi e asciugamani, uno straordinario campionario di grimaldelli. Il lituano è stato immediatamente dichiarato in arresto: il sospetto dei «ghisa» è che possa trattarsi di uno specialista internazionale dei furti in appartamento, uno di quei freelance che girano il mondo per compiere imprese su commissione.

Vilnius, sindaco spietato contro parcheggi selvaggi

August 3rd, 2011

A Vilnius, capitale lituana il sindaco Arturas Zuokas è spietato contro i parcheggi selvaggi.
Multe, sanzioni, ritiri di patente a parte, Zuokas si è messo alla guida di un carrarmato ed è passato sopra una vettura, schiacciandola, poiché era parcheggiata in sosta vietata su una pista ciclabile.

“Questo è quello che succede a chi parcheggia illegalmente”, ha spiegato il primo cittadino 43 enne esponente del partito liberale, e ciclista convinto.
Un gesto sicuramente dimostrativo, un mezzo drastico per fermare la sosta degli ingombranti 4 ruote sui marciapiedi.
Salito su un panzer, 8 ruote motrici per 7,65 metri di lunghezza e 13.600 chili di peso, il sindaco è passato sopra una Mercedes Benz.
“In questo punto, ad esempio, sono state parcheggiate una Rolls Royce e una Ferrari”, dice Zuokas.
“Che cosa deve fare la città nei confronti di chi pensa di essere al di sopra della legge?”.

Arrestato lituano all’aeroporto di Cagliari

April 1st, 2010

Un cittadino lituano di 36 anni, che aveva nascosto nello stomaco 72 ovuli contenenti complessivamente un chilo di cocaina, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza all’aeroporto di Cagliari-Elmas

L’arresto è avvenuto domenica scorsa, all’arrivo del volo Ryanair proveniente da Barcellona. L’uomo è stato fermato per un controllo dai militari del Gruppo di Cagliari delle Fiamme Gialle che, insospettiti dal suo atteggiamento nervoso, hanno approfondito gli accertamenti sino alla confessione del lituano di aver ingerito degli ovuli di cocaina, che sono stati poi recuperati dopo il ricovero dell’uomo all’ospedale Santissima Trinità.

Aiutiamo Kamelija

March 14th, 2010

Il console onorario della Lituania a Venezia, lo scledense Alberto Bertoldi, sta sostenendo una raccolta fondi, anche tra le istituzioni locali, a sostegno di Kamelija Kitaigorodskaja, 15enne lituana affetta da sclerosi multipla e che necessita di cure costose.
La giovane necessita di un trapianto di cellule staminali, che le consentirebbe un’esistenza “normale”. Un intervento che costa intorno ai 28 mila euro, cifra troppo elevata per la famiglia.
Ha scritto al console per cercare aiuto e lui ha accolto la richiesta, dopo averne verificato la veridicità attraverso l’ambasciata. Per un’offerta bonifico al c/c intestato alla ragazza Iban LT 857010800304070011 Ukio Bank AB Klaipeda, Lithuania. S.D.C.

Lecce – Lituana sequestrata da connazionale

March 5th, 2010

Le aveva promesso di trovarle un lavoro, così lei ha lasciato la Lituania per venire a Lecce. Una volta arrivata in Italia però la ragazza è stata sequestrata e chiusa in casa per giorni. È l’accusa di una diciottenne lituana nei confronti di un suo connazionale di ventitre anni. Il giovane, che ha precedenti penali, è stato arrestato dalla polizia che lo ha anche trovato in possesso di banconote false. La ragazza era giunta in Italia tre giorni fa. La richiesta di intervento alla questura è arrivato dal direttore dell’ufficio postale di Lecce -San Cataldo dove la diciottenne lituana si era rifugiata chiedendo aiuto.

Ai poliziotti la ragazza ha raccontato di essere arrivata in Italia con il suo connazionale e di essere stata da allora tenuta reclusa. La polizia ha quindi fatto irruzione in casa del giovane, che ha precedenti penali per droga e porto illegale di armi, e nel corso di una perquisizione ha trovato banconote per 1.600 euro in gran parte false. L’uomo, che ha comunque smentito di tenere la ragazza in sotto sequestro, è stato arrestato. Sono in corso accertamenti per verificare come e a quale scopo la ragazza sia stata fatta entrare in Italia e la veridicità della sue dichiarazioni.

Addiopizzo sbarca in Lituania

March 4th, 2010

AddioPizzo arriva fino in Lituania. L’elenco dei commercianti siciliani che dichiarano di non pagare gli estortori, infatti, è stato tradotto in lingua lituana e pubblicato sul sito del consolato onorario di Lituania per la Sicilia e su quello di “Addio Pizzo”. L’iniziativa si deve ad Alessandro Palmigiano, avvocato specializzato nel diritto dei consumatori, che è console onorario per la Lituania in Sicilia.

“Mi è sembrata un’iniziativa utile per far conoscere quanto di meglio, in termini di impegno civile e di lotta al malaffare, abbia prodotto la nostra Isola. – ha spiegato Gabriele La Malfa Ribolla, rappresentante di AddioPizzo – Il lituano è la quattordicesima lingua in cui vengono tradotti il nostro manifesto e l’elenco degli esercenti a testimonianza che il messaggio di legalità è universale. Il documento è stato realizzato con il duplice obiettivo di diffondere la conoscenza della Lituania e di offrire ai cittadini lituani presenti stabilmente (per lavoro o studio) o temporaneamente (per turismo) un documento utile”.

La lista in lingua lituana sarà presentata il 6 marzo 2010, in occasione del quarto seminario “la tutela dei consumatori”, che si terrà a Palermo presso la Camera di Commercio di Palermo, alla presenza del Console, Avv. Alessandro Palmigiano e di un rappresentante dell’associazione AddioPizzo.