News Menu

Wateraxis: il seminario in Lituania

December 10th, 2011

Il seminario finale del progetto WATERPRAXIS si svolgerà l’11 e 12 gennaio 2012 a Vilnius, in Lituania.

Finanziato in parte dall’Unione europea, il progetto WATERPRAXIS (“From theory and plans to eco-efficient and sustainable practices to improve the status of the Baltic Sea”) ha cercato di migliorare le condizioni del Mar Baltico favorendo l’implementazione di piani di gestione del bacino fluviale nella regione.

L’evento rappresenterà un’opportunità per pianificatori dell’acqua, parti interessate e ricercatori di discutere i temi attuali e di scambiare informazioni riguardanti la gestione dell’acqua. I temi affrontati riguarderanno tra l’altro:
- piani di gestione del bacino fluviale e piani di azione per la tutela dell’acqua locale;
- realizzare investimenti per la tutela dell’acqua;
- il bacino fluviale del Sesupe – dall’analisi generale dei bacini idrografici a miglioramenti dell’acqua potabile;
- migliorare le condizioni del trattamento delle acque di scarico;
- zone umide per la rimozione dell’azoto;
- terreni acidi;
- cambiamento climatico e pianificazione del bacino fluviale;
- politiche per il cambiamento climatico ed effetti sulla gestione del bacino fluviale.

Pietro Adragna al Festival Internazionale della Fisarmonica di Vilnius

November 6th, 2011

Fresco vincitore del V Festival Internazionale Fisarmonica digitale tenutosi presso la Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, sabato 22 ottobre scorso, Pietro Adragna, classe 1988 nato ad Erice, si esibirà nell’ambito del XIV Festival Internazionale della Fisarmonica all’Accademia di Musica e Teatro Lituana di Vilnius.

Il giovane musicista valdericino ha iniziato lo studio della fisarmonica all’età di sei anni, ottenendo sin da subito ottimi risultati in campo strumentale. Nel corso degli anni successivi Adragna ha intrapreso contemporaneamente allo studio della fisarmonica anche quello del pianoforte classico presso il Conservatorio di Musica di Stato “A. Scontrino” di Trapani sotto la guida del M. Paolo De Bartoli.Dal 2003 il fisarmonicista siciliano ha perfezionato i suoi studi sullo strumento presso l’Accademia Musicale “Roberto Fuccelli” di Perugia, ricoprendo per anni il ruolo di “prima fisarmonica” nella Fisorchestra “Libertango” diretta dallo stesso Maestro Fuccelli,si è diplomato in fisarmonica classica con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze sotto la guida del M. Ivano Battiston. Molti i trofei conseguiti in prestigiosi concorsi internazionali.

XIV Tarptautinis akordeono festivalis
11 novembre 2011 ore 18:00
Lietuvos muzikos ir teatro akademija – Gedimino pr. 42, Vilnius
Prezzo del biglietto 25,00 Lt

Concerto dei giovani talenti Lituani a Roma e L’Aquila

November 2nd, 2011

Il 4 novembre all’auditorio teatrale dell’Istituto “Antonio Maria Gianelli” di Roma e il 5 novembre al Conservatorio “Alfredo Casella” de L’Aquila 18 giovani musicisti provenienti da varie scuole musicali lituane si esibiranno in opere di J. S. Bach, W. A. Mozart, F. Liszt, G. H. Handel, F. Chopin, G. Verdi, R. Shchedrin e di altri famosi compositori.

“Con la musica attraverso l’Europa” è il motto che accompagna il 3° Festival Internazionale di musica “Le strade d’Europa” Lituania – Italia 2011. Il Festival ha avuto inizio il 5 ottobre con 3 appuntamenti musicali nella città di Vilnius in Lituania e si concluderà proprio il 5 novembre con il concerto finale che si terrà a L’Aquila

Questo progetto educativo coinvolge tutte le realtà musicali, dalle scuole musicali ai licei, dalle scuole d’arte ai conservatori, per finire le Accademie di Musica e Teatro. Nel complesso l’intero progetto coinvolge oltre 50 allievi e studenti.

Il Festival Internazionale è organizzato dell’Ambasciata della Repubblica Lituana in Italia e l’associazione culturale “Musica Vitale” con il patrocinio del Pontificio Collegio Lituano di S. Casimiro a Roma. Grazie al ministero degli Affari Esteri della Repubblica Lituana, i giovani talenti lituani hanno la possibilità di venire in Italia e presentare il loro paese al pubblico italiano.

Con questa iniziativa si vuole instaurare un rapporto duraturo di collaborazione musicale – culturale tra il Conservatorio di Musica Alfredo Casella e l’Accademia Lituana della musica e del teatro e Conservatorio di musica di Vilnius Juozas Tallat-Kelpša.

I concerti si terranno:
4 novembre alle ore 18:00. Auditorio teatrale dell’Istituto Antonio Maria Gianelli, Via Mirandola 15, Roma;
5 novembre alle ore 17:00. Aula Magna del Conservatorio Alfredo Casella, Via Francesco Savini, L’Aquila.
Direzione Artistica Nijolė Dorotėja Beniušytė
Ingresso in sala fino ad esaurimento posti è gratuito.

Halloween in Lituania: la leggenda di Trakai

October 30th, 2011

In autunno inoltrato, quando il giorno si fa sempre più breve e le oscurità invadono la terra, arriva il giorno degli spiriti vaganti, dei diavoli e delle streghe, la festa dell’altro mondo – Halloween. Lo spettroso, pauroso, misterioso e pazzo Halloween si celebra in molti luoghi in Lituania. Osservando le vetrine decorate dei negozi per le strade delle città e delle persone in maschera è chiaro che l’infezione spettrale ha infettato i lituani.

Anche la Lituania ha le sue leggende di spettri e ve ne racconterò una sul nome del lago nel mezzo di cui sorge il castello di Trakai. Ai tempi del Granduca Vytautas viveva a Trakai un commerciante che in accordo con l’ordine teutonico aveva deciso di consegnarli il castello di Trakai. Quando Vytautas con i suoi soldati si diresse nel territorio dei cavalieri teutonici per combatterli, il commerciante informò i teutonici che potevano venire ed occupare il castello serenamente. I teutonici hanno occupato il castello, ma poi l’hanno bruciato ed abbandonato. Quando Vytautas tornò dalla battaglia con la sua armata, dopo aver appreso l’accaduto, decise di condannare il commerciante a morte in maniera dimostrativa – tramite decapitazione. Decise di giustiziarlo in una isola dove c’era solo una collina senza alberi.

Così portarono il commerciante sull’isola, lo stesero a terra ed il becchino con una grande ascia lo decapitò. Il sacerdote pagano prese la testa dicendo le seguenti parole magiche “Lago, lago prendi la testa di questo maledetto che la sua anima sparisca per sempre dalla faccia della terra.” Da allora su quell’isola eseguirono anche altre esecuzioni gettando sempre le teste nel lago. Cosi il lago venne chiamato “Testa”. Il lago si abituò a ricevere in sacrificio delle teste e ne chiedeva altre. Si dice che le acque di questo lago non si gelano mai finché non ricevono una testa, così a primavera, non va via il ghiaccio completamente finché il lago non ne prende una.

Siccome prima qui vivevano russi, polacchi, bielorussi, invece di pronunciare il nome del lago Galva, che significa testa, loro pronunciavano dicendo Galvia, cosi questa parola si trasformò in “Galvė”. E così dai tempi antichi il lago si abituò a ricevere come vittime le teste. Ogni anno lui chiede la sua vittima – la testa, perché diversamente non ghiaccia, o non scioglie i ghiacci, finché non se la prende.

Se siete attratti dalla magia e dagli incantesimi e se desiderate tuffarvi nel mondo degli spiriti e delle ombre, la notte di Halloween nei bar, night club e discoteche di Vilnius, Kaunas e Klaipeda vi fingeranno da porta per entrare nel mondo di streghe, diavoli e fantasmi. La vostra permanenza può essere arricchita e variegata con la visita al Castello di Trakai, al suo lago coperto di misteri e nei dintorni.

Il castello di Trakai
I castelli dell’isola costituiscono il più famoso complesso difensivo della Lituania. L’isola è incentrata sul Castello stesso e sul Palazzo del Granduca, collegato tramite un ponticello pedonale alla piccola isola. L’imponente complesso risale al XIV secolo, restaurato e ben conservato è l’unico superstite dei tanti che sorgevano sulle isole tra i laghi lituani. Il restauro più recente risale agli anni ’80 e ’90 ma ciò non ne sminuisce il fascino. Il castello conserva ancora un aspetto medievale ed è tutt’ora utilizzato come luogo per drammi storici con tanto di re, regine e cavalieri.

Osservando la struttura dall’altra sponda del lago, l’imponenza era tale da scoraggiare i nemici da un eventuale attacco. Il Castello ha una pianta irregolare divisa in due parti. Il Castello esterno, che ha due massicce torri ed una terza che sorveglia l’angolo nord-occidentale. Un piccolo ponte collega il Castello esterno al Palazzo, la cui caratteristica principale è il torrione alto 25 metri. Dal cortile interno dei gradini portano ai sotterranei, dove veniva custodita la tesoreria mentre un’altra scalinata conduce ai piani superiori dove si trova la Grande Sala, al primo piano.

Nelle numerose sale del castello si allestiscono varie esposizioni artistiche, spesso si tratta di collezioni appartenute agli antichi nobili lituani oppure mostre del Museo Storico della Caccia. Di particolare interesse è la mostra etnografica dedicata al popolo dei Caraimi. Gli amanti degli sport acquatici potranno concludere la gita sul lago Akmenis affittando una barca a vela, a remi oppure attraversando il lago Galvé in battello.

Parco nazionale storico di Trakai
Il parco nazionale storico di Trakai è l‘unico della Lituania. I dintorni di Trakai sono interamente impregnati della storia e dell‘archeologia lituana. Il nucleo del parco nazionale storico è l‘isola di Trakai, l‘insieme dei castelli della penisola oltre al centro storico stesso di Trakai, che si estende sulla stretta penisola tra i laghi Galvė, Totoriškiai e Bernardinai.
La più importante ricchezza del patrimonio culturale del parco storico è costituita da romaniche costruzioni (o resti di esse) tipiche del luogo, che ricordano un antico passato. Tutta l‘isola su cui sorge il castello è occupata dal castello stesso e dal palazzo del Granduca. Oltre al castello, nei dintorni ci sono le colline su cui sorgevano la fortezza di Daniliškiai (sulla collina dei Tartari), e quella di Bražuolė, tumuli del IX-XII secolo e necropoli del XIV-XV secolo.
Nei dintorni le maggiori ricchezze naturali vanno dalle colline formate dai ghiacciai e profonde vallate strette, ampie e piatte. I laghi che impressionano maggiormente il visitatore sono, senza dubbio quelli di Skaisčis e Galvė costellati da un‘abbondanza d’isole. Questi due laghi sono collegati tra loro oltre che ad altri laghi di dimensioni più ridotte, come i laghi di Bernardinai (Luka) e di Totoriškiai. Il maggiore e decisamente il più bello è il lago Galvė, con le sue 21 isole, mentre quello in cui l‘acqua è più cristallina è il lago Akmena. Interessanti sono anche la foresta di Kudrioniai e le paludi di Plomėnai e Varnikai.
In una casa di campagna di un podere fuori Trakai, si è creato un maneggio chiamato il “Club dei cavalli di Perkūnas”. Esso propone gite a cavallo o su un calesse trainato da cavalli per tutto il parco storico nazionale di Trakai, mentre in inverno, al posto dei calessi si utilizzano le slitte.

A Trakai si svolgono i seguenti eventi
Oltre al Museo Storico dentro il Castello, con le sue varie mostre, ai piedi del castello potrete assistere ad una Festa Medievale dove ci sono duelli con cavalieri e inoltre potrete conoscere le botteghe e gli antichi mestieri di artigianato. Dentro e fuori il castello, sia all’aperto che al chiuso, vengono proposti spettacoli teatrali per adulti e per bambini, progetti culturali ed educativi. Nella grande sala del castello si organizzano concerti di musica classica.

Il parco nazionale di Trakai propone splendide spiagge per fare i bagni. E quando la stagione non permette di farlo più ci sono le barche, gli yacht, pedalò d’acqua e la possibilità di godersi tanti altri divertimenti in acqua. Se volete godervi lo spettacolo naturale della zona dall’alto si può anche organizzare la gita in mongolfiera. Per arricchire la visita, vicino a Trakai si possono visitare le antiche corti di Lentvaris, Užutrakis, Traku Vokė, i cui parchi furono costruiti dal famoso architetto francese Eduardo André.

Luci verdi su Vilnius

September 28th, 2011

Si ripete quest’anno, per la seconda volta di fila, un appuntamento che ha riscosso un grande successo la Green Night, una notte in cui i migliori locali di Vilnius aprono liberamente al pubblico e propongono la migliore musica in circolazione fino all’alba.

Uno degli ideatori e ambasciatori del progetto è Victor Diawara, personaggio ben noto nel mondo musicale lituano, che si dice molto soddisfatto per le premesse: “Spero che questo progetto possa diventare un appuntamento annuale” dice Victor “Quest’anno il personaggio di punta sarà Saulius Prūsaitis, voce degli Happyendless”.
“Sono felice di aver prestato il mio volto per rappresentare questo evento. Spero che anche questa volta le strade si riempiano di gente carica di sensazioni positive e spero che diventi una tradizione annuale qui a Vilnius”, così risponde Saulius.

Alla Green Night hanno aderito 13 tra i più popolari e alla moda locali della capitale: Tamsta, Chaplin terasa, Paparazzi, Tarantino, G-Stars, Menų Loftas, Artistai Pub, Vasaros terasa, Balti drambliai, Gorky, Briusly, Soul Box, Time out. In tutti questi posti splenderà una luce verde il prossimo 30 Settembre e per tutta la notte suoneranno i migliori gruppi gratuitamente.

La speranza è che la Green Night si diffonda da Vilnius a tutta l’Europa, quest’anno rappresentanze lettoni ed estoni sono state invitate per assaporare l’atmosfera targata Tuborg che da anni a Vilnius è sinonimo di buona musica.

Serata lituana all’Art of Sound

September 7th, 2011

Si avvia a conclusione la manifestazione internazionale Intensive Programme Erasmus “Art of Sound Sound of Art”, che vede capofila il Conservatorio di Cosenza a coordinare istituzioni (Università e Conservatori) di Belgio, Danimarca, Finlandia, Lituania, Portogallo e Spagna, insieme agli italiani dell’Università di Genova e del Conservatorio di Napoli. Diverse le attività -didattica, laboratori, performance multimediali, installazioni, concerti – che si succedono dal 31 agosto nelle due sedi, Casa della Musica e Galleria di Palazzo Arnone, con la partecipazione di docenti e studenti. Giovedì 8 settembre alle ore 21 alla Casa della Musica terrà un concerto il gruppo MENTE (Musica Elettronica e Nuove Tecnologie Ensemble) del Conservatorio di Cosenza. Saranno eseguiti brani di: Tommaso Muto, che prevede una perfomance di teatro-danza; Costantino Rizzuti, audiovisivo in tempo reale; Massimo Palermo e Stefano Amato, brano per violoncello ed elettronica dal vivo. L’IP Intensive Programme si concluderà venerdì 9 settembre con un party (offerto dal Conservatorio di Cosenza) nel cortile di Palazzo Arnone. La serata dal titolo “DJ-VJ evening” è stata preparata dai musicisti lituani, provenienti dalla Kauno Technologijos Universitetas di Kaunas, che proporranno musica elettronica dal vivo e video giochi fino a notte fonda.

Renata Marcinkutė chiude il Festival degli Storici Organi della Valsesia

September 6th, 2011

Con il concerto a Valduggia, nella Chiesa di Santa Maria, la sera di venerdì 9 settembre dell’organista lituana Renata Marcinkutė Lesieur, che sullo strumento novecentesco presente in quella chiesa eseguirà un programma di scelte pagine (Franck, Faurè, Dubois..) inizia la breve seconda parte del Festival Internazionale degli Storici Organi della Valsesia, quest’anno giunta alla 24a edizione, con affermazione costante e crescente del valore della coraggiosa iniziativa.

Il direttore artistico della manifestazione l’infaticabile maestro organista Mario Duella, sta così portando a termine anche questo Festival, iniziato domenica 24 luglio e ora in procinto di essere, con soddisfazione e buone promesse, consegnato con successo alla storia culturale valsesiana.

Il Festival riserva ancora qualche appuntamento: dopo Valduggia, il 9 settembre, sarà la volta della Chiesa di San Giorgio a Nebbiuno, (unica “tappa” extravalsesiana del Festival) venerdi 16 settembre, con un concerto dell’organista italiana Margherita Sciddurlo che si esibirà sulla tastiera del bell’organo ottocentesco Bernasconi di quella chiesa.

Quindi sabato 17 settembre il Festival toccherà Romagnano Sesia dove nell’Abbazia di San Silvano si svolgerà un’interessante concerto di organo e voce, sostenuto da due artisti nazionali, l’organista Ennio Cominetti ed il baritono Giovanni Guerini. La conclusione a Serravalle Sesia, venerdi 23 settembre, presso il Santuario di Sant’-Euseo: un altro organista italiano di vaglia, Matteo Galli, che sarà esecutore sul settecentesco organo del Santuario, di scelte pagine organistiche coeve. Un invito rivolto con calore al pubblico di queste località e a tutti gli appassionati della musica organistica, che sugli strumenti presenti in Valsesia sembra aver trovato piena espressione ed elevata valorizzazione.

La Mados Infekcija contagia Vilnius

March 28th, 2010

Con che velocità si propaga l’”infezione”? Chi meglio dell’organizzatrice del festival, Renata Mikailionytė, può parlarne. “Il tempo concesso per presentare la propria opera è limitato e calcolato in modo che ci sia appena il tempo per far indossare gli abiti alle modelle, pettinarle e truccarle. Ogni modella sale sulla passerella almeno quattro-cinque volte, non è uno sforzo da poco cambiare la loro pettinatura, il maquillage e ovviamente l’abito.

Alla fine della presentazione restano sul pavimento solamente le salviettine struccanti, un po’ di ciglia finte, forcine, capelli strappati, brandelli di tessuto… Questa è la cucina della moda.

Tuttavia, nonostante il ritmo intenso e il duro lavoro dietro le quinte questi sono momenti felici che non mancano certo di emozione. Ogni presentazione della collezione è come una commedia i cui attori sono i modelli. Stanno sulla passerella come su di un palco che regala una vasta gamma di emozioni”.